Meduris: la chiamata degli dèi

La chiamata degli dèi spinge i giocatori a occupare le pendici del monte Meduris. Costruire capanne, offrire doni sacrificali al druido, raccogliere preziose pietre runiche ed edificare templi imponenti: solo così i giocatori conquisteranno il favore degli dèi.

t-490-haba-spielzeug-meduris-durch-geschickten-einsatz-erwirtschaften-die-arbeiter-wertvolle-gueter.jpg

1. I lavoratori devono essere impiegati

con abilità per ottenere risorse preziose, che servono a costruire capanne ed erigere templi.

t-490-haba-spielzeug-meduris-je-groesser-die-siedlung-desto-teurer-wird-der-bau-einer-huette.jpg

2. Più grande è l’insediamento,

più costosa diventa la costruzione di una capanna. Ma, se si riesce a conquistare il favore del druido con dei doni sacrificali, tutta questa fatica sarà ben ricompensata.

 

t-490-haba-spielzeug-meduris-die-mitspieler-im-blick-behalten.jpg

3. Non bisogna perdere di vista gli altri giocatori:

chi riesce a occupare i migliori siti edificabili nel momento giusto e a raccogliere il maggior numero delle preziose pietre runiche?

t-490-haba-spielzeug-meduris-nur-wer-seine-huetten-und-tempel-geschickt-platziert.jpg

4. Solo chi dispone le proprie capanne

e templi con abilità e conserva abbastanza doni sacrificali per il gran finale potrà vincere il gioco.

8862408900638.jpg

Meduris: la chiamata degli dèi è un gioco di grande varietà che mette alla prova tutti gli strateghi e assicura emozioni fino al gran finale. Un gioco che avvince, grazie a un materiale vario e realizzato con cura e alla magia delle illustrazioni del celebre illustratore Miguel Coimbra.

t-230-haba-spielzeug-meduris-der-ruf-der-goetter.jpg

Esclusivo: Le istruzioni di gioco da scaricare

Istruzioni Meduris

Le istruzioni di gioco da scaricare

302863-meduris-istruzione-it.pdf
Integrazioni Meduris 2016

Gli autori:

t-230-haba-spielzeug-meduris-ralf-zur-linde.jpg

Ralf zur Linde, classe 1969, ha pubblicato i suoi primi giochi da tavolo nei primi anni ‘90. Dopo questo periodo ha iniziato a interessarsi sempre di più alla rappresentazione digitale delle proprie idee. Ha sviluppato il software didattico “Lernwerkstatt”, per il quale ha ottenuto il premio tedesco per i software educativi. Parallelamente, spesso in collaborazione con altri autori, ha continuato a inventare giochi da tavolo di successo, come ad esempio “Finca” e “Eselsbrücke”, entrambi candidati al premio “Spiel des Jahres” (Gioco dell’anno). Ralf Zur Linde vive da anni a Maiorca e ogni tanto soggiorna anche su una piccola isola privata, nell’Oceano indiano.

t-230-haba-spielzeug-meduris-stefan-dorra.jpg

Stefan Dorra vive con la propria famiglia vicino a Hannover. Lavora come logoterapista in una scuola speciale per bambini con difficoltà di apprendimento, attività a cui affianca da molti anni lo sviluppo di giochi, un hobby a cui si dedica con passione. Ha pubblicato oltre 50 giochi di carte e da tavolo, molti dei quali sono stati premiati con vari riconoscimenti. “Meduris”, frutto della collaborazione di Ralf zur Linde e Stefan Dorra, è stato sviluppato tra la Germania settentrionale e Maiorca. Gli autori hanno confessato che mai prima d’ora si erano divertiti così tanto a scervellarsi su un gioco.

L'illustratore:

t-230-haba-spielzeug-meduris-miguel-coimbra.jpg

Miguel Coimbra, classe 1977, è cresciuto in Francia da genitori portoghesi. Sin da piccolo si appassiona al disegno. Il gioco “Magic: l’adunanza” ha risvegliato più avanti la sua passione per i giochi e i mondi fantastici. La scoperta delle possibilità del disegno digitale l’ha spinto a reinventarsi prima come disegnatore grafico, poi come designer di videogiochi e, oggi, come illustratore freelance. Ha illustrato oramai diversi giochi di successo come “7 Wonders” o “Small World”. Nel tempo libero ama giocare, soprattutto a giochi di carte.

Giochi per la famiglia