Honga

La tribù della tigre dai denti a sciabola cerca un nuovo capo! Ma solo chi raccoglie il maggior numero di provviste, si rivela abile nel baratto e rende omaggio agli antichi dèi della natura verrà considerato un candidato degno. E ricordate sempre che dovete occuparvi di HONGA! La tigre dai denti a sciabola infatti divora le provviste dei giocatori che la trascurano.

t-490-haba-spielzeug-platzieren-sie-ihre-aktionsscheibe-spieleabend-approved.jpg

Sistema con un’accorta strategia il tuo dischetto azione sul campo di gioco.

t-490-haba-spielzeug-achten-sie-auf-honga-spieleabend-approved.jpg

Fai attenzione a HONGA (a) ed esegui le azioni prescelte (b).

t-490-haba-spielzeug-nutzen-sie-ihre-moeglichkeiten-spieleabend-approved.jpg

Sfrutta tutte le occasioni possibili per raccogliere per primo i punti vittoria necessari e diventare così il nuovo capotribù.

Honga, il nuovo gioco per la famiglia, è ricco di emozioni, sia per i principianti che per i giocatori più esperti. Il materiale di gioco si monta in un baleno, quindi da 2 a 5 giocatori potranno misurarsi con questo gioco di strategia ricco di colpi di scena. Una cosa è certa: soltanto uno può diventare il capotribù.

Esclusivo: Le istruzioni di gioco da scaricare

t-230-haba-spielzeug-guenter-burkhardt-spieleabend-approved.jpg

Autore:

“Prima di dedicarsi esclusivamente alla creazione di giochi, Günter Burkhardt, classe 1961, è stato insegnante di educazione civica, scienze della terra e matematica. Vive con la famiglia sulle Alpi sveve. Le escursioni in bicicletta o i viaggi in camper sono la sua principale fonte di ispirazione. Con HABA ha già pubblicato molti giochi, tra cui ‘Il tesoro sfavillante’, ideato in collaborazione con la figlia Lena, per il quale ha ricevuto il prestigioso premio Kinderspiel des Jahres 2018”.

t-230-haba-spielzeug-stephanie-boehm-spieleabend-approved.jpg

Illustrazioni:

Stephanie Böhm è nata a Dresda nel 1988. Sin da piccola sognava di illustrare giochi e per qualche tempo ha studiato design dei giochi e di materiale didattico ad Halle (Germania), dove si è dedicata soprattutto alla creazione di oggetti non funzionali. Alla fine ha deciso di interrompere gli studi universitari, ha scoperto la pittura digitale e ha iniziato a lavorare nel settore dei videogiochi. Qualche anno dopo ha avviato un'attività in proprio come illustratrice e da allora si dedica a illustrare giochi di ogni tipo. Al momento vive a Wuppertal.