The Key – Assassinio all'Oakdale Club

t-the-key-oakdale-club.jpg

Una terribile serie di omicidi scuote l’Oakdale Golfclub: tre persone sono state assassinate! I giocatori si calano nei panni degli investigatori e combinano gli indizi per scoprire gli autori, l'ora, l’arma, il luogo del delitto e il mezzo di fuga utilizzato. Devono infine generare il giusto codice numerico per rinchiudere i colpevoli dietro le sbarre. Alla fine non vince necessariamente l'investigatore più veloce, ma quello più efficiente!

img-the-key-mord-im-oakdale-club-bild-1.jpg

Tutti giocano contemporaneamente: i giocatori scelgono le dichiarazioni dei testimoni e i risultati di laboratorio da utilizzare per le loro indagini.

img-the-key-mord-im-oakdale-club-bild-2.jpg

Chi studia a fondo il fascicolo riesce a combinare con abilità gli indizi forniti dalle tracce di DNA, dagli orologi perduti, dagli alibi e dai mezzi di fuga utilizzati.

img-the-key-mord-im-oakdale-club-bild-3.jpg

L'obiettivo è risolvere il caso in modo veloce quanto possibile ed efficace, ottenendo il giusto codice numerico per rinchiudere i colpevoli dietro le sbarre.

img-the-key-verpackung-oakdale-club.png

Esclusivo: Le istruzioni di gioco da scaricare

Scaricare le istruzioni

In questo simultaneo gioco di deduzione il motto è: “Se la chiave bene infilerai, il vincitore sarai!” L'ingegnoso meccanismo dell'originale sistema di controllo della soluzione affascina anche gli investigatori più esperti. I modi per arrivare alla soluzione sono sempre diversi: la voglia di rigiocare è perciò garantita.

Autore:

img-autor-the-key.jpg

Thomas Sing, classe 1961 e laureato in economia, vive a Costanza sull'omonimo lago, dove gestisce un grosso chiosco insieme a degli amici. In questo modo ha tempo a sufficienza da dedicare ai suoi hobby, la matematica, la lettura di gialli e, ovviamente, l'ideazione di giochi. Da studente Thomas Sing ha stabilito il record mondiale del gioco "Non t'arrabbiare" ed è entrato così nel Guinness dei primati.

Illustratore:

img-illustrator-the-key.jpg

Timo Grubing, classe 1981, ha studiato grafica all'Università di scienze applicate di Münster e, dopo la laurea nel 2007, ha fatto ritorno alla sua città natale di Bochum. La sua attività di illustratore freelance abbraccia diversi ambiti: illustra libri per bambini, testi scolastici, giochi e collabora regolarmente con riviste e agenzie.