Percezione visiva – Come i bebè scoprono il mondo

t_1250_350_visuelle_wahrnehmung.jpg

I neonati sono in grado di vedere fin dalla nascita, ma questo senso si forma e si sviluppa lentamente nel tempo. Nelle prime settimane la visione dei neonati è confusa e sfocata. Riconoscono i visi e i contrasti, ma è solo dopo il primo mese di vita che i bebè riescono a seguire gli oggetti con lo sguardo. Questo processo richiede loro un elevato sforzo dei muscoli oculari e una grande coordinazione.

haba-spielzeug-icon-auge.png

Percezione visiva


I bebè vedono i colori?

t-396-visuelle_wahrnehmung.jpg
I bebè iniziano a percepire i colori soltanto dal secondo e dal terzo mese di vita. Inizialmente riescono a distinguere le sfumature, poi cominciano a interessarsi ai colori primari brillanti e ai contrasti. Dal quarto mese di vita i bebè iniziano a riconoscono gli oggetti e la loro percezione della profondità migliora. Dopo circa 8 mesi la percezione visiva è così formata che i bebè riescono a percepire l'ambiente come lo fa un adulto. Tuttavia occorrono ancora diversi mesi o anni prima di raggiungere la piena acutezza visiva e di sviluppare appieno la capacità di visione degli spazi e dei contrasti.

Stimolare lo sviluppo della vista dei bebè

Già nel primo anno di vita i genitori possono sostenere lo sviluppo della vista dei loro piccoli: la percezione visiva costituisce una componente fondamentale dello sviluppo di tante altre competenze, come il primo sorriso consapevole o la capacità di afferrare determinati oggetti. La visione spaziale è strettamente legata allo stimolo della coordinazione occhio-mano. I sonagli sono quindi particolarmente indicati per stimolare fin da subito l'esplorazione e la percezione visiva dei bebè. Con lo sviluppo della vista i bambini iniziano a percepire gli oggetti nello spazio, a riconoscerli e a indicarli. Inoltre, quando vedono qualcosa di interessante al di fuori della loro portata sono anche stimolati a strisciare o gattonare verso l'oggetto per esaminarlo con attenzione. Gli esperti consigliano di esporre i bambini a un'abbondante luce naturale, che stimola i collegamenti delle cellule del nervo ottico.

Stimolare la percezione visiva dei bebè

Stimolare la percezione visiva con le palestrine

Gli stimoli visivi provengono dalle fonti più disparate; ad esempio, una giostrina colorata accanto al fasciatoio o al lettino o una palestrina con tanti elementi da scoprire e toccare e con cui giocare. Anche un cuscino da gioco colorato è perfetto: il bebè viene spinto ad esaminarlo, mentre i vari effetti stimolano la coordinazione occhio-mano.

Stimolare la percezione visiva con libri per bambini

Le immagini colorate non si trovano soltanto fra le pagine di un libro tradizionale: anche i libri da passeggino in stoffa, i libri da bagnetto per la vasca e i libri in legno per bebè attirano la curiosità dei più piccoli, che li osserveranno molto volentieri.