Dadi fortunati

I dadi rotolano veloci e vengono spinti allegramente qua e là, tra un dischetto e l'altro. Chi, con un po’ di fortuna ai dadi, velocità e visione d’insieme, riesce a raccogliere il maggior numero di dischetti, vince e può offrire il giro successivo.
img-grosses-glueckssymbol.jpg
I giocatori mettono i loro dadi vicino al simbolo supremo della fortuna o li passano agli altri giocatori.
img-wer-keine-wuerfel-mehr-hat.jpg
Chi rimane senza dadi riceve in premio un dischetto.
img-wer-ueber-mehrere-Runden.jpg
Vince il gioco chi, nel corso dei vari giri, riesce a raccogliere tre dischetti.

Esclusivo: Le istruzioni di gioco da scaricare

Esclusivo: Le istruzioni di gioco da scaricare

Si spiega rapidamente, si gioca subito: nel nuovo gioco per famiglie Dadi fortunati non si perde tempo! In questo turbolento gioco con i dadi ogni giocatore deve sperare nella buona sorte: meno male che i 19 dadi di legno mostrano i simboli del quadrifoglio, del ferro di cavallo ecc.

Autore:

img-schmidt-andreas.jpg
Andreas Schmidt, bancario laureato in economia e commercio, dal 2004 si dedica allo sviluppo dei giochi da tavolo. Nel 2009 ha fondato la sua agenzia di comunicazione "phantastischer RAUM" insieme alla sua allora partner commerciale, Sabine Schmidt, che nel frattempo ha sposato. I giochi e il loro sviluppo rappresentano per Andreas la possibilità di immergersi in nuove dimensioni, dove spesso il divertimento la fa da padrone, e si può piacevolmente staccare dalla routine quotidiana. Ad oggi Andreas Schmidt ha pubblicato più di 20 giochi e lavora, sempre e dappertutto, allo sviluppo di novità.

Illustratore:

img-unger-catherine.jpg
Catherine Unger è un’illustratrice e 2D Game Artist e vive nella soleggiata Londra. Da 8 anni è attiva nel settore dei giochi, e ha collaborato alla concept art, al materiale grafico, alle animazioni e alla direzione artistica di numerosi giochi di successo per dispositivi mobili e console. Oltre ai giochi si dedica alle illustrazioni su commissione e per diletto personale: disegna piante, paesaggi atmosferici e rane, rane a non finire!