Copione per burattini: "Dov'è Gaspare?"

Per uno o due animatori

v-wo-ist-kasper.jpg

Personaggi:

Peppo (= burattino Hänsel)

Nonna

Mago (o strega, drago Vinni)

Gaspare

un biglietto

un sacchetto o una borsa

Dov'è Gaspare?

(Peppo entra in scena agitando un bigliettino fra le mani)

seppel-100x100.jpg

Tralalò... no, non va bene! Trallallellerooo! Che disperazione, non me la ricordo! Eppure dovrei salutare i bambini come si de...
(si accorge dei bambini)
Ehi, bambini!
(fa un cenno di saluto con la mano esitante)
Ciao bambini! Ho urgentemente bisogno del vostro aiuto. Mi aiutate?

(i bambini rispondono)

seppel-100x100.jpg

Adesso dovreste salutare il mio amico Gaspare, ma prima, quando sono passato da lui, non era in casa. E sulla porta c'era attaccato questo biglietto. Ve lo leggo:

"Caaarro Peppo, zono partito per le vacaaaanse e tu debi saluttare i banbiiiini! Tuo Gaspare"

Capite? Gaspare è andato in vacanza senza di me! Quando sa che io non so cantare la canzoncina di saluto! Mi aiutate voi?

(i bambini rispondono)

seppel-100x100.jpg
Conoscete la canzoncina che canta sempre Gaspare? Trulalà?

(i bambini rispondono)

seppel-100x100.jpg
Trallullero?

(i bambini rispondono)

seppel-100x100.jpg
Ah, si dice trallallero trallallà? Siete sicuri? Ottimo! Adesso torno e posso salutarvi come si deve. Aspettatemi qui, torno subito.

(canticchia mentre va dietro al sipario)

seppel-100x100.jpg
Trallallero trallallà, trallallero trallallà, trallallero trallallà
oma-100x100.jpg

(la nonna entra in scena) Gaspare? Gaspareeeee? Ciao bambini, avete visto Gaspare?

(i bambini rispondono)

oma-100x100.jpg
No? Ma io l'ho appena sentito. Il mio Gaspare canta sempre la stessa canzoncina: trallallero trallallà. Solo lui la sa cantare.

(La nonna si guarda attorno)

oma-100x100.jpg
Gaspare? Dove sei? Gaspareeee? Eppure l'ho sentito cantare. Ma dove si sarà nascosto quel monello?

(Peppo canta ancora trallallero trallallà da dietro al palco)

oma-100x100.jpg
Eh? Ora lo sento. Gaspare starà arrivando. Che ne dite, bambini?

(I bambini gridano che sta arrivando Peppo)

oma-100x100.jpg
Come? Chi sta arrivando? Peppo? No, lui non sa cantare questa canzoncina!

(Peppo canta ed entra in scena ancora col biglietto in mano)

seppel-100x100.jpg
Trallero trallallà, sono Peppo, eccomi qua!
oma-100x100.jpg
Ma, Peppo, cosa fai lì? Dov'è Gaspare?
seppel-100x100.jpg
Gaspare? Pensa un po', nonna, è andato in vacanza. Senza di me! E io sono il suo migliore amico!
oma-100x100.jpg
In vacanza? Ma come è possibile?
seppel-100x100.jpg
Non lo so nemmeno io. Ma guarda, ha attaccato questo biglietto alla porta.
oma-100x100.jpg

(La nonna prende il biglietto a Peppo e legge) Peppo, qui c'è qualcosa che non quadra. Io non penso che questo biglietto pieno di errori l'abbia scritto Gaspare: proprio ieri l’ho fatto esercitare sull’ortografia delle parole. Ieri sera le ha scritte tutte bene, mentre queste sono tutte sbagliate.

seppel-100x100.jpg
Oh no, e adesso? Allora dov'è finito Gaspare? Credi che sia scappato?
oma-100x100.jpg
Proprio oggi che ho cucinato il suo piatto preferito? Gli ho preparato delle deliziose patate arrosto proprio perché ieri ha studiato con impegno. No, non credo proprio.
seppel-100x100.jpg
Ahi ahi! Patate arrosto? Mi è venuta in mente una cosa. Ieri il mago era da noi e ha chiesto a Gaspare se poteva pelargli un enorme sacco di patate. Ma Gaspare si è rifiutato e il mago non l’ha presa bene: se n'è andato mugugnando.
oma-100x100.jpg
Oh, Peppo, forse il mago ha rapito Gaspare. E ora il povero Gaspare si trova da qualche parte nelle cantine del castello del mago a pelare delle patate? Oh no, oh no, oh no!
seppel-100x100.jpg
Nonna, dobbiamo correre dalla guardia per farci aiutare a trovare il mago e liberare Gaspare.

(Peppo e la nonna se ne vanno, dall'altro lato entra in scena il mago con un sacco pesante)

zauberer-100x100.jpg

Oh, quanto pesa. Ma perché deve pesare così tanto? Peccato che non conosca degli incantesimi che facciano diventare leggero un sacco pesante!

(si accorge dei bambini che parlano)

Che sarà mai? Chi urla così forte? Ah, bambini, sssssh! Sssssh! Se urlate così tornano la nonna e Peppo. E loro non devono vedermi! Accipicchia, non la smettete proprio: mi tocca scomparire.

(Il mago esce di scena e dall'altra parte arriva Gaspare)

kasper-100x100.jpg
Ohi ohi, come è potuto succedermi?! Ciao bambini, eccovi qua. Pensate un po', stamattina Peppo doveva venire a svegliarmi, perché dovevo venire a salutarvi. Ma quel briccone non mi ha svegliato! E così ho continuato a dormire e non ho potuto salutarvi. Avete visto Peppo?

(I bambini rispondo a Gaspare che Peppo e la nonna lo stanno cercando)

kasper-100x100.jpg
Cosa? Peppo e la nonna mi cercano? E perché mai?
seppel-100x100.jpg

(Peppo entra in scena dall'altra parte col biglietto in mano) Non posso crederci! Gaspare è qui! Ciao, Gaspare, come sei riuscito a scappare dal castello del mago?

kasper-100x100.jpg
Dal castello del mago? No, mi sono appena alzato, perché tu, briccone che non sei altro, non mi hai svegliato!
seppel-100x100.jpg
Ma io non ti ho svegliato perché credevo fossi andato in vacanza: hai scritto un biglietto. E poi la nonna ha detto che non credeva che tu fossi in vacanza, ma pensava che il mago ti avesse rapito, e ora ti stanno cercando tutti...
kasper-100x100.jpg

(Gaspare prende il biglietto, lo legge e lo getta via) Sì, e adesso preparami un secchio di patate arrosto! Come puoi pensare che io scriva facendo così tanti errori, quando proprio ieri sono andato a studiare dalla nonna che, per premiarmi, voleva proprio farmi le patate arrosto per oggi?

(Gaspare ha un'idea)

Le patate arrosto! Peppo, credo che sia stato il mago a scrivere il biglietto.

seppel-100x100.jpg
Così non ti avrei svegliato perché pensavo che tu non ci fossi.
kasper-100x100.jpg
E mentre voi mi cercavate e io dormivo, lui poteva sgraffignare le patate arrosto! Sì, che persona spregevole!

(Se gli animatori sono due, Peppo resta sul palco. Se l’animatore è uno solo, Peppo esce di scena e arriva la nonna con un sacco)

oma-100x100.jpg
Oh, Gaspare, sei tornato! Grazie a Dio! Ti ho cercato dappertutto! Pensa che la guardia ha appena acciuffato il mago che voleva rubarmi le patate arrosto! E voleva lasciare qui un sacco di patate.
kasper-100x100.jpg
Oh, nonna, credo proprio che oggi dobbiamo cucinare un'altra porzione di patate arrosto. Ho dormito così taaaaanto che ho una fame da lupi! Ti aiuto io a pelarle e tagliarle.
oma-100x100.jpg
Va bene, Gaspare, diamoci da fare!

(Gaspare e la nonna e, se gli animatori sono due, anche Peppo, se ne vanno cantando)