Percezione sonora – Ascoltare, cantare, suonare

t_1250_350_entwicklungsschritte_akkustik.jpg

Quando i bebè iniziano a sentire?

I bambini percepiscono i suoni già quando sono nella pancia della mamma: sentono il battito del suo cuore e registrano fin dai primi attimi di vita un ritmo costante. Anche lo scorrere del sangue e il suono delle voci vengono percepiti dai bambini in fase prenatale. Dopo la nascita il patrimonio di stimoli sonori si arricchisce e il cervello del bebè impara a elaborare diverse informazioni, sviluppando una percezione sonora completa.

haba-spielzeug-icon-ohr.png

Percezione sonora


Suoni e voci dei familiari

t-396-entwicklungsschritte_akustik_1.jpg

Nei primi mesi di vita i bebè apprezzano particolarmente le voci delle persone a loro familiari. Di norma sono la mamma e il papà che riescono a calmare il piccolo con parole dolci o con una canzone. In questo modo i genitori stimolano ulteriormente il patrimonio fonico e linguistico del figlio. Anche la musica ha effetti calmanti sui bebè. Nei primi mesi di vita i bebè sono già in grado di distinguere con precisione i rumori: accade così che alcuni bambini si addormentino ascoltando un carillon mentre per altri il medesimo effetto è ottenuto con il ronzio dell'aspirapolvere. Generalmente, a partire da 3 mesi i bebè iniziano a imitare i rumori e a lanciare piccole grida, ronzii e borbottii.


I bebè amano il ritmo e gli strumenti musicali

I bambini piccoli amano cantare, suonare e muoversi a tempo di musica. Reagiscono con curiosità ai vari suoni e voci e percepiscono la musica e il ritmo con grande naturalezza. Suonare insieme e fare esperimenti con i vari oggetti e strumenti rafforza quindi non solo la percezione sonora, ma anche le competenze emotive e sociali. Diverse ricerche scientifiche dimostrano che i bambini che crescono con la musica imparano prima a camminare e a parlare. Prima le filastrocche e i giochi con le dita cantati, poi gli strumenti musicali: grazie a queste esperienze i bambini aumentano e rafforzano la loro naturale curiosità per i suoni e i rumori. Per maggiori informazioni su come arricchire con la musica la vita di vostro figlio leggete qui.

Stimolare la percezione sonora di bebè e bambini

Stimolare la percezione sonora con le palestrine

I primi giocattoli come sonagli o palestrine consentono ai bebè di conoscere suoni diversi, come un fruscio, un frullio o uno squillo, e di crearli loro stessi.

Stimolare la percezione sonora con i giochi musicali

Gli strumenti musicali per bambini consentono ai più piccoli, a partire dal secondo anno di vita, di avvicinarsi tramite il gioco allo sviluppo musicale e al senso del ritmo. Provando i vari strumenti, da soli o in gruppo, i bambini si divertono un mondo: che bello far suonare tamburi, sonagli, bacchette e flauti!

Stimolare la percezione sonora con i burattini con effetti

Bebè e bambini amano molto i burattini con effetti. Questi piccoli compagni di giochi prendono vita grazie agli adulti, mentre i sonagli e gli altri effetti sonori incorporati rendono il gioco ancora più divertente. I bambini possono animare anche da soli i burattini sonori, stimolando così tutti i sensi!